CUM DUCO di Stefano D'Amico. Per info e prenotazioni +39 331.5656776

Itinerario del Barocco nella Marca Pontificia

  • 12-teatro-comunale-interno
  • a_sala_degli_specchi_biblioteca_mozzi_borgetti
  • e_-teatro-lauro-rossi2
  • museo-buonaccorsi
  • pal-buonaccorsi-2
  • pal-compagnoni-part-2
  • palazzo-compagnoni-marefoschi
  • palazzo-costa
  • sala-carrozza
  • sala-curiosit%c3%a0
  • salone-degli-arazzi
  • san-filipppo-1
  • san-giovanni-1

Descrizione del percorso:

Il percorso attraversa le più importanti testimonianze della civiltà Barocca nella Marca centrale. Iniziando al mattino con la visita ad uno dei complessi suburbani più maestosi della regione -Villa Buonaccorsi – è in particolare nella città di Macerata, (che fino al 1598 fu sede del governo pontificio della Marca) che verranno illustrati i capolavori più significativi dall’arte seicentesca. Fu intorno a personalità come il Bibbiena, Giovan Battista Contini, e, più tardi , il Vanvitelli che il centro urbano maceratese fiorì in un insieme straordinario di chiese e palazzi incardinati in mirabile piano urbanistico. Il percorso tocca gli edifici più rappresentativi dell’età barocca che restituiscono con i loro interni perfettamente conservati atmosfere altrimenti perdute. La visita si sviluppa anche nelle sontuose chiese del centro tra le quali la basilica della Misericordia, capolavoro del Vanvitelli e la Chiesa di San Filippo capolavoro del Contini allievo del Borromini, spiccano per eleganza ed equilibrio. Conclude il percorso la visita alla città di Matelica, ed in particolare al Museo Piersanti, vero “palazzo Strozzi” marchigiano, che conserva integri i suoi arredi interni e costituisce l’esempio principe di un palazzo nobiliare del XVII secolo. L’itinerario, che è tra i più belli tra quelli proposti, si conclude con la visita alla città ed alle chiese del centro storico.

Svolgimento del percorso:

Mezza Giornata “A” : Mattino (durata h 3,00)

1) Visita al Giardino di Villa Buonaccorsi a Potenza Picena. La giornata ha inizio con la visita ad uno dei gioielli barocchi della regione, ovvero Villa Buonaccorsi. Il complesso, appartenuto alla nobile famiglia dei Buonaccorsi fin dal XVI secolo, fu rimaneggiato intorno al 1745 da Pietro Bernasconi, seguace del Vanvitelli che ne fece il modello ideale di Villa patrizia suburbana..In particolare conserva intatto uno dei più bei giardini
all’italiana costituito da cinque gradinate intersecate da un sontuoso scalone centrale. Si tratta certamente di uno dei massimi esempi di arte topiaria del XVIII secolo nell’Italia centrale. Lungo le gradinate, insieme a rarità botaniche, compaiono strutture ornamentali tipiche del ‘700 quali obelischi, nicchie con teatrini, ninfei, rocailles aranciere e soprattutto molte statue di soggetto mitologico e grottesco della bottega vicentina dei Marinali.

2) Visita alla citta di Macerata. La città, “capitale” pontificia della Marca fino all’avvento di Napoleone, è un compiuto gioiello urbanistico. L’itinerario ha inizio dalla cattedrale di San Giuliano, ristrutturata da Cosimo Morelli nel 1771 in stile ormai neo-classico, per proseguire nella splendida basilica della Misericordia, gioiello Vanvitelliano del 1735 che contiene al suo interno opere del Mancini e del Conca. Tappa privilegiata del percor-
so barocco è quindi Palazzo Buonaccorsi che ha al suo interno il celebre salone dell’Eneide tra le massime opere del ’600 marchigiano. La sala, mirabilmente affrescata, ha alle pareti quadri di scuola veneta, bolognese e napoletana che narrano l’epopea di Enea. Il palazzo, che è anche sede della pinacoteca civica e del bel museo della carrozza, con berline e portantine anche del XVIII secolo, conserva opere importanti tra cui un capolavoro di
Carlo Crivelli e l’autoritratto di Carlo Maratta. Segue la visita al teatro Lauro Rossi, tra i pochissimi all’italiana giunti integri fino a noi. Progettato dal Bibbiena nel 1765 come una piazza sulla quale si affacciano gli eleganti balconcini, il teatro è una delle meraviglie della città. Passeggiando per i centro storico verranno quindi illustrati i più importanti palazzi barocchi che manifestano con le loro sontuose facciate ed i loro magnifici scaloni, l’opulenza del patriziato locale tra XVII e XVIII secolo. Il percorso maceratese si conclude a Piazza San Giovanni dove sorge la chiesa di San Filippo, capolavoro del Contini. Recentemente restaurata in modo da restituirla al suo originale splendore. La chiesa, a pianta ovale,lascia attoniti nel gioco avvolgente in cui le alte colonne marmoree stemperano il loro slancio nella fuga dell’ellisse in un equilibrio anche luminoso
raffinatissimo .La Crocifissione, capolavoro del Mancini, spicca con la sua tragicità. Il percorso maceratese si conclude con la visita alla biblioteca Mozzi Borgetti che conta oltre 350.000 antichi e rari testi ordinati nelle belle stanze affrescate.

Mezza Giornata “B” : Pomeriggio (durata h 3,00)

2) Visita al Museo Piersanti ed alla città di Matelica: nel pomeriggio il percorso procede fin alla città di Matelica, dove si trova una delle più interessanti case-museo delle Marche: Palazzo Piersanti. Miracolosamente integro fin nei suoi arredi interni, il Palazzo è un esempio unico della vita quotidiana in un palazzo gentilizio nelle Marche del ‘600. Dal gabinetto delle curiosità, agli abiti settecenteschi, alle carrozze, agli ambienti comuni e
privati, all’interno è anche possibile osservare un’interessante raccolta di capolavori pittorici dal XIVal XVIII secolo. L’itinerario si sviluppa quindi nella città. Autentico scrigno di capolavori è la Chiesa di San Francesco dove sono visibili una famosa pala del Palmezzano e gli affreschi realizzati da Simone de Magistris.
Il vicino museo archeologico, allestito nel sontuoso Palazzo barocco Finaguerra, conserva importanti testimonianze della civiltà picena rinvenute nel territorio matelicese. Inerente il percorso legato al seicento è la visita alla Chiesa del Suffragio che conserva un inquietante capolavoro di Salvator Rosa e la visita alla cattedrale che
conclude la visita alla città. Essendo Matelica una delle capitali del Verdicchio DOC, la giornata può terminare con una degustazione del prodotto tipico in una delle numerose cantine produttrici qui presenti.

 PersoneCosto a personaCosto complessivo
tariffe indicative della provincia di macerata, contattare la guida x tariffe personalizzate in convenzione
Mezza giornata ADa 1 a 5 persone16.00 €80.00 €
Mezza giornata ADa 6 a 20 persone-100.00 € + 2€ per ogni persona aggiuntiva
Mezza giornata BDa 1 a 5 persone16.00 €80.00 €
Mezza giornata BDa 6 a 20 persone100.00 € + 2€ per ogni persona aggiuntiva
Giornata InteraDa 1 a 5 persone160.00€
Giornata interaDa 6 a 20 persone200.00 € + 4€ per ogni persona aggiuntiva

DURATA DEL PERCORSO:
Mezza giornata A – Mattino : h 3.00
Mezza giornata B – Pomeriggio : h 3.00

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
COSTI DEGLI INGRESSI PER GRUPPI:

1) Ingresso a Villa Buonaccorsi: € 5,00 ;
2) Biglietto a Palazzo Buonaccorsi di Macerata : € 2,00
3) Ingresso a Palazzo Piersanti: € 2,00 ;
Ingresso al Museo archeologico di Palazzo Finaguerra: € 2,00

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

COMUNI TOCCATI DAL PERCORSO : 

1) Potenza Picena ; 2) Macerata ; 3) Matelica

  • L’Arte che salva

    L'Arte che salva

    Museo Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto Loggiato superiore del Palazzo Apostolico

Contributi Fotografici
Cum Duco di Stefano D’Amico-Via F.lli. Brancondi 128 -60025 Loreto (An) P. Iva 02583600420 mail: info@guidamico.it
Guida Turistica Abilitata dalla Provincia di Macerata ai sensi della legge Regione Marche n° 4 / 1996
e dalla Delegazione Pontificia per il Santuario della Santa Casa di Loreto
web agency
Privacy Policy