CUM DUCO di Stefano D'Amico. Per info e prenotazioni +39 331.5656776

Visita guidata a Tolentino Storia, arte e fede della città di San Nicola, del Filelfo e dei Mauruzi

  • 3
  • castello-della-rancia
  • dsc_0028
  • dsc_0029
  • tolentino-addolorata
  • tolentino-casa-filelfo-ok
  • tolentino-chiostro-s-nicola
  • tolentino-museo-parisani-bezzi
  • tolentino-part-portale-s-nicola
  • tolentino-porta-adriana
  • tolentino-porta-marina
  • tolentino-rosone-s-nicola
  • tolentino-s-catervo-campanile
  • tolentino-s-catervo
  • tolentino-san-giacomo
  • tolentino-torre-orologi-ok
  • tolentino-vicolo

Descrizione del percorso:

Il percorso di mezza giornata è interamente dedicato alla città di Tolentino. Di origini picene, la città sorge nella stessa area dell’antico centro romano del quale molte vestigia sono conservate nel Museo archeologico del Castello della Rancia, dal quale l’itinerario avrà inizio. La vicenda medievale verrà invece illustrata nel centro storico, che ne conserva ancora integri i caratteri. Centro vitalissimo della spiritualità, Tolentino fu patria d’elezione di San Nicola, una delle figure maggiori dell’ordine agostiniano, la cui basilica fu adornata nel corso dei secoli attraverso le committenze delle più illustri famiglie tolentinati Prima tra queste quella di Nicola Mauruzi il quale, capitanando fino alla vittoria le armate fiorentine, ottenne fama e ricchezze che reinvestì in patria in magnifiche committenze. E’ proprio nella basilica di San Nicola che si conserva il più grande ciclo di affreschi gotici delle Marche. Incrocio ineludibile lungo la Via Lauretana, Tolentino fu testimone di eventi storici di prima importanza come, ad esempio, la firma della pace che Napoleone impose a Pio VI, nonché teatro dell’ultima battaglia sostenuta da Giochino Murat nel 1815, che molti storici indicano anche come la prima dell’Indipendenza italiana.

Svolgimento del percorso:

Mezza Giornata “A” : Mattino (durata h 3,00)

1) Visita al castello della Rancia : Il percorso ha inizio con la visita alla raccolta archeologica “Gentiloni Silveri” nel castello della Rancia, alle porte di Tolentino, che introduce alla storia picena prima e romana poi del centro.
Di particolare bellezza ed importanza sono i reperti piceni rivenuti nel territorio tolentinate che consentono una panoramica del grado di raffinatezza di questa civiltà in particolare tra il VII ed il VI secolo. Tra i reperti di età romana una bellissima statua di dama di età giulio-claudia. Segue la visita del castello che è tra i più suggestivi
e meglio conservati della regione

2) Visita alla città di Tolentino: il percorso nel centro urbano ha inizio nella Cattedrale di San Catervo, nella quale si conserva il sarcofago del Prefetto del Pretorio Catervo, di sua moglie Settimia e di suo figlio Basso, arca del IV secolo splendidamente conservata con interessanti sculture paleocristiane. L’aula del sarcofago è dipinta con affreschi del XV secolo di raffinata eleganza. La visita procede quindi all’interno della chiesa, purtroppo pesantemente manomessa in stile neo-classico nel 1830. In particolare molto suggestiva è l’area dove si conserva il muro perimetrale di fondazione dell’antico mausoleo di San Catervo con interessantissime tracce di affreschi risalenti al IX e X secolo,rappresentanti le Vergini Sagge ed il cosidetto “carcere” di San Catervo.
Il percorso procede quindi per alcune viuzze, fino alla basilica di San Nicola. Il complesso trecentesco, con le aggiunte rinascimentali e barocche è tra le più importanti strutture religiose delle Marche. Visita al chiostro, al Cappellone giottesco (massima impresa del gotico nelle Marche ) , al museo ed alla basilica stessa, Sono qui visibili opere di Marchisano di Giorgio (XV sec), Simone De Magistrsi e Guercino. Usciti dalla basilica
l’itinerario procede nella piazza centrale della città con il Palazzo Comunale, il palazzo Sangallo e la famosa torre con i quattro orologi. Palazzo Sangallo contiene in particolare un curioso Museo dell’Umorismo che rappresenta un momento davvero gustoso del percorso. La visita della città si avvierà al termine con l’ingresso a palazzo Bezzi-Parisani, che conserva ancora integra la sala dove Pio VI di fronte a Napoleone Bonaparte firmò
l’umiliante pace di Tolentino nel 1797. Termina la visita il bellissimo teatro storico intitolato al Vaccaj.

 

PersoneCosto a personaCosto complessivo
tariffe indicative della provincia di macerata, contattare la guida x tariffe personalizzate in convenzione
Da 1 a 5 persone16.00 €80.00 €
Da 6 a 20 persone-100.00 € + 2€ per ogni persona aggiuntiva

DURATA DEL PERCORSO:
Mezza giornata A – Mattino : h 3.00

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
COSTI DEGLI INGRESSI PER GRUPPI:

1)Biglietto d’ingresso al castello della Rancia : € 2,50
2) Biglietto d’ingresso al Museo di san Nicola : offerta libera (predisporre in un busta)
3) Biglietto d’ingresso al Museo dell’Umorismo : € ;
4) Biglietto d’ingresso a palazzo Bezzi :
5) Teatro Vaccaj: €

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

COMUNI TOCCATI DAL PERCORSO : 

1) Tolentino

  • L’Arte che salva

    L'Arte che salva

    Museo Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto Loggiato superiore del Palazzo Apostolico

Contributi Fotografici
Cum Duco di Stefano D’Amico-Via F.lli. Brancondi 128 -60025 Loreto (An) P. Iva 02583600420 mail: info@guidamico.it
Guida Turistica Abilitata dalla Provincia di Macerata ai sensi della legge Regione Marche n° 4 / 1996
e dalla Delegazione Pontificia per il Santuario della Santa Casa di Loreto
web agency
Privacy Policy