CUM DUCO di Stefano D'Amico. Per info e prenotazioni +39 331.5656776

Visita guidata a San Severino Marche

  • monte-di-piet%c3%a0-san-severino
  • s-severino-pal-caccialupi
  • san-lorenzo-ingresso
  • san-severino-centro
  • san-severino-duomo-vecchio-3
  • san-severino-fonti
  • san-severino-museo-archeologico
  • san-severino-orologio
  • san-severino-piazza-del-popolo
  • san-severino-sfondo-torri
  • san-severino-torre-smeducci
  • san-severino
  • torre-san-lorenzo-s-severino

Descrizione del percorso:

Il percorso in oggetto riguarda la città di Sanseverino uno dei centri più ricchi in assoluto di arte,storia e spiritualità dell’intera regione Marche. Il percorso ha in effetti qualcosa di sorprendente : in modo inaspettato, quasi improvviso infatti, palazzo dietro palazzo, chiesa dietro chiesa, il visitatore nel corso della visita guidata, acquisirà la consapevolezza di trovarsi al centro di un insieme di correnti e linguaggi artistici appartenenti ad epoche differenti che, pur nella profonda provincia, non mancano d’essere autentici e primi per qualità ed eccellenza formali. Dalle opere dei Salimbeni, che in modo tanto precoce illuminarono la pittura marchigiana del primo quattrocento fino all’eleganza neoclassica del grande architetto Ireneo Aleandri, che qui ebbe i suoi natali, in modo pressoché ininterrotto si apre al turista un tragitto di altissimo pregio e di grande suggestione. Di questo percorso tappe irrinunciabili ricolme di meraviglie sono senza dubbio il Museo archeologico e la Pinacoteca civica Tacchi Venturi..La seconda parte della giornata, disegna un tragitto ad anello intorno alla città. Inseriti in splendide cornici paesaggistiche, i luoghi oggetto di visita, per la difficile viabilità dei luoghi , sarà dedicata esclusivamente ad un turismo individuale.

Svolgimento del percorso:

Mezza Giornata “A” : Mattino (durata h 3,00)

1) Visita alla città di Sanseverino:
il percorso ha inizio sul Monte Nero, vera “acropoli” della città e di fatto suo punto d’origine storica. Qui, accanto al Duomo Vecchio, è il Museo Archeologico “Moretti” che rappresenta uno dei due punti più interessanti dell’intero itinerario. Quest’ultimo ne è certamente tappa irrinunciabile per la bellezza dei corredi funerari d’età picena, relativi al periodo orientalizzante (VIII -VII sec. A.C) che vi sono esposti: armi, carri da guerra, elmi, magnifiche terrecotte zoo ed antropomorfe ci parlano di questa civiltà italica pastorale e guerriera e degli altissimi livelli artistici da essa raggiunti. Dopo la visita al Duomo Vecchio ed alla Torre degli Smeducci che domina la città, l’itinerario si sposta nel centro urbano con un’altra formidabile tappa alla Pinacoteca civica Tacchi Venturi ambientata nel cinquecentesco Palazzo Manuzzini. Nelle sale del museo, dopo un’introduzione sulla pittura del “gotico appenninico” e dei suoi epigoni trecenteschi che nelle sale della pinacoteca sono presenti in modo altissimo, verrà introdotta la vicenda dei fratelli Salimbeni che a Sanseverino inaugurarono una precocissima scuola pittorica. Sono esposti gli affreschi dal Duomo Vecchio relativi a San Giovanni ed il famoso “Altarolo” .Di qui usciti è d’obbligo la tappa all’antichissima chiesa di San Lorenzo in Doliolo ( VII-XIV sec) capolavoro romanico con presbiterio sopraelevato che conserva al suo interno resti altamente suggestivi di affreschi dei Salimbeni. Il percorso procede poi con la visita alla bella Piazza del Popolo con la caratteristica Torre dell’Orologio, edificata in stile neo-classico da Ireneo Aleandri e dal suo splendido Teatro Feronia, che edificato nel 1823 è uno dei gioielli architettonici di questo genere della regione. La bellissima chiesa di Santa Maria dei Lumi , capolavoro dell’arte della Controriforma, conclude il percorso in questo scrigno di tesori.

Mezza Giornata “B” : Pomeriggio (durata h 3,00)

3) Visita guidata al castello di Pitino.
Il castello, risalente al XII secolo, si trova sopra un’alto colle a guardia della principale strada d’accesso a Sanseverino, Vero borgo fantasma, completamente disabitato, il castello
e ancora perfettamente individuabile sia nei tratti della poderosa cinta muraria che nell’altissima torre visibile da ogni dove. Il paesaggio assolutamente suggestivo che di quassù si gode domina lo spazio dagli Appennini al mare. Il luogo è assolutamente indimenticabile

4) Visita alla Maestà del Parolito:
la piccola chiesa alle porte di San Severino, conserva al’interno gli affreschi di Lorenzo D’Alessandro, che insieme ai Salimbeni fu uno degli epigoni della pittura sanseverinate del ‘400

5) Eremo di Sant’Eustacchio in Domora :
scavata nella nuda roccia a strapiombo su di una parete calacrea, la chiesa è traccia suggestiva di quel mondo eremitico. che popolò l’Appennino tra il X ed il XV secolo.

6) Visita al castello di Elcito :
A circa 800 metri d’altezza, la visita a questo castello di San Severino chiude la giornata . Dell’antica struttura fortificata, ormai ridotta a borgo, restano alcune evidenti edifici 8ingresso, torre).A colpire è tuttavia la meraviglisa situazione paesaggistica che permette una magnifica vista

 

 PersoneCosto a personaCosto complessivo
tariffe indicative della provincia di macerata, contattare la guida x tariffe personalizzate in convenzione
Mezza giornata ADa 1 a 5 persone16.00 €80.00 €
Mezza giornata ADa 6 a 20 persone-100.00 € + 2€ per ogni persona aggiuntiva
Mezza giornata BDa 1 a 5 persone16.00 €80.00 €
Mezza giornata BDa 6 a 20 persone100.00 € + 2€ per ogni persona aggiuntiva
Giornata InteraDa 1 a 5 persone160.00€
Giornata interaDa 6 a 20 persone200.00 € + 4€ per ogni persona aggiuntiva

DURATA DEL PERCORSO:
Mezza giornata A – Mattino : h 3.00
Mezza giornata B – Pomeriggio : h 3.00

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
COSTI DEGLI INGRESSI PER GRUPPI:

1) Biglietto al Museo Archeologico: € 3,00 ;
2) Biglietto alla Pinacoteca Tacchi Venturi 3,00
3) Biglietto congiunto Muaseo Archeologico + Pinacoteca civica Tacchi Venturi : € 4,00;
4) Contributo pro loco per apertura dei monumenti del Cemtro Storico oggetto di visita : € 1,00

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

COMUNI TOCCATI DAL PERCORSO : 

1) San Severino

  • L’Arte che salva

    L'Arte che salva

    Museo Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto Loggiato superiore del Palazzo Apostolico

Contributi Fotografici
Cum Duco di Stefano D’Amico-Via F.lli. Brancondi 128 -60025 Loreto (An) P. Iva 02583600420 mail: info@guidamico.it
Guida Turistica Abilitata dalla Provincia di Macerata ai sensi della legge Regione Marche n° 4 / 1996
e dalla Delegazione Pontificia per il Santuario della Santa Casa di Loreto
web agency
Privacy Policy