CUM DUCO di Stefano D'Amico. Per info e prenotazioni +39 331.5656776

Il Castello di Santa Maria di Loreto

  • 15-piazza-e-basilica
  • 1santacasa
  • 3-fontana-maggiore
  • 45-absidi-e-mura-orizzontale-2
  • 51-vanvitelli-campanile-2
  • 3salapomarancio
  • loreto-absidi-e-bastione-1
  • sisto-v-1
  • 2santacasaesterno-riv-mar

Descrizione del percorso:

L’itinerario riguarda l’imponente sistema difensivo sorto a più riprese in difesa del Santuario della Santa Casa di Loreto tra il 1488 ed il 1522.
A partire dal 1453 infatti, quando i Turchi occuparono Costantinopoli provocando la caduta dell’impero Romano d’Oriente, la presenza mussulmana in Adriatico si fece schiacciante, esigendo la costruzione di architetture capaci di far desistere, con la loro imponenza, le navi turche dallo sbarco. Su incarico di Sisto IV in un primo momento e quindi su ordine di Leone X in un secondo, il Santuario di Loreto fu adeguatamente munito di insuperabili fortificazioni. Questo impressionante sistema militare, che fece della basilica di Loreto l’unica chiesa fortificata del mondo, ebbe in architetti come Baccio Pontelli,, Cristoforo Resse da Imola ed Antonio da Sangallo il Giovane i propri geni costruttori, che qui applicarono le principali teorie balistiche a cavallo tra Medioevo e Rinascimento. Il percorso, che riguarda l’intero aspetto delle fortificazioni di quella che fu detta “la cittadella della Fede”, prevede un inedito circuito ad anello intorno alla città ed al Santuario, osservandone mura, bastioni (circolari e pentagonali) porte urbiche, e sistemi difensivi.

Svolgimento del percorso:

1) Rendez-vous con la guida
nella piazza del Santuario, in prossimità della Fontana maggiore, di fronte alla facciata della basilica (sotto gli adiacenti porticati in caso di pioggia)

2) Illustrazione della Santa Casa:
la reliquia sotto il profilo storico,artistico e religioso. La santa Casa e gli Angeli.

3) Illustrazione del percorso fortificato delle absidi:
i camminamenti di ronda (il percorso dei camminamenti di ronda verrà svolto dal basso, seguendo il perimetro delle absidi della basilica e qui entrando nelle basi dei torrioni
e visitando le imponenti cisterne per la raccolta delle acque piovane quali depositi idrici per gli assedi)

4) Illustrazione del percorso fortificato a nord: le “Centofinestre” ed il bastione di Porta Marina : il percorso,inedito e suggestivo,prende le mosse dall’illustrazione di Porta Marina rispetto alla quale ci si muoverà per giungere alla vicina imponente facciata delle Centofinestre” che prelude al sistema difensivo posto a settentrione con un curioso bastione sgembo munito di garrite. Di qui si tornerà al bastione circolare di Porta Marina del quale verrà analizzata la struttura militare e difensiva (cannoniere, garrite, difesa radente).

5) Illustrazione del percorso fortificato delle mura bastioni pentagonali del Branca :
il percorso ad anello intorno al Santuario procede con la visita e l’illustrazione dei due bei bastioni pentagonali costruiti a meridioneda Giovanni Branca da Pesaro nel 1620

6) Porta Romana e bastione omonimo:
 il percorso giunge quindi alla principale porta urbica : Porta Romana. Anticamente dotata di ponte levatoio, la porta conserva ancora la sua decorazione statuaria originale. Si rocede
quindi con la visita all’interno del bastione omonimo, autentico gioiello rinascimentale . E’qui possibile osservare la struttura a camera stagna delle cannoniere, le bocche da fuoco, la cisterna e le curiose piombatoie, progettate da Francesco di Giorgio Martini, In uscita, dopo la torre civica, il percorso riprende in esterno per giungere all’antica Porta Osimana, murata alla fine del XVI secolo, ma di cui è ancora visibile la struttura

7) Palazzo Apostolico ed ingresso in piazza: Illustrazione dell’ingresso principale alla piazza e del torrione del Palazzo Apostolico con il relativo sistema difensivo radente. Ingresso e spiegazione della piazza monumentale: loggiati del Palazzo Apostolico, fontana maggiore, facciata, campanile.

8) Visita ai camminamenti di Ronda (facoltativo) : il percorso può a questo punto prevedere la salita ai Camminamenti di ronda sopra le absidi della basilica (il percorso è gestito dalla locale Pro Loco che provvede ad accompagnare i turisti sopra il circuito già illustrato a terra) oppure proseguire (consigliamo di proseguire ) con la visita all’interno della basilica

9) Atrio della Sala del Tesoro:
capolavori del Reni, Veronese, Tiarini, Jacopo da Bassano, Fanelli.

10) La volta della Sala del Tesoro:
il capolavoro di Cristoforo Roncalli detto il Pomarancio nell’affresco della vita di Maria. Storia del Tesoro della Santa Casa.

11) fine del percorso di visita guidata

Costo del servizio di visita guidata
€ 100,00 fino a 20 persone + € 2,00 per ogni persona aggiunta alla ventesima

DURATA DEL PERCORSO:
H 2.30

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
COSTI ACCESSORI ALLA VISITA GUIDATA: INGRESSI E NOLEGGI *

Noleggio Radio Auricolari (obbligatori per le guida all’interno della basilica) : euro 1,50 a persona

Biglietto di ingresso ai camminamenti di ronda: individuali € 6,00  Gruppi € 5,00

* Per la visita guidata ai gruppi nei camminamenti di ronda, svolgendosi il percorso necessariamente in fila indiana dati gli spazi medievali a disposizione, è consigliato ( ma non obbligato)  il noleggio dei radio auricolari ( € 1,50 a persona )  per consentire a ciascun partecipante un buon ascolto della spiegazione

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

ORARI  E  GIORNI  IN CUI IL PRESENTE  PERCORSO  SI PUO’ SVOLGERE : 

Il presente percorso è praticabile ogni giorno, fino alle ore 18.30 previa prenotazione. In caso di pioggia il percorso può subire riduzioni

  • L’Arte che salva

    L'Arte che salva

    Museo Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto Loggiato superiore del Palazzo Apostolico

Contributi Fotografici
Cum Duco di Stefano D’Amico-Via F.lli. Brancondi 128 -60025 Loreto (An) P. Iva 02583600420 mail: info@guidamico.it
Guida Turistica Abilitata dalla Provincia di Macerata ai sensi della legge Regione Marche n° 4 / 1996
e dalla Delegazione Pontificia per il Santuario della Santa Casa di Loreto
web agency
Privacy Policy