CUM DUCO di Stefano D'Amico. Per info e prenotazioni +39 331.5656776

Itinerario del Gotico Appenninico nell’età di Gentile da Fabriano

  • 19-1
  • 19-10
  • 19-10_0
  • 19-11
  • 19-11_0
  • 19-12
  • 19-12_0
  • 19-1_0
  • 19-2
  • 19-2_0
  • 19-3
  • 19-3_0
  • 19-4
  • 19-4_0
  • 19-5
  • 19-5_0
  • 19-6
  • 19-6_0
  • 19-7
  • 19-7_0
  • 19-8
  • 19-8_0
  • 19-9
  • 19-9_0

Descrizione del percorso:

Il percorso propone una panoramica sulla corrente pittorica del “gotico Appenninico” che ebbe un suo alveo tra Camerino, Fabriano e San Severino tra il XIV ed il XV secolo e che non mancò di sfociare in personalità assolute del Gotico Internazionale come ad esempio Gentile da Fabriano. L’itinerario analizza i presupposti dai quali tali maestri poterono prendere le mosse visitando tutto quel notevole patrimonio che ne è superstite e che è in gran parte conservato all’interno delle chiese e delle pinacoteche di queste città. Il percorso insiste specialmente sul passaggio che l’arte, alla fine del XIII secolo, staccandosi dagli ieratici modelli bizantini, seppe sviluppare proprio a cavallo dell’Appennino umbro-marchigiano, con soluzioni assolutamente proprie che diedero vita a dei veri e propri maestri ed a delle autentiche scuole. La giornata tocca tra i più grandi cicli del ‘300 marchigiano partendo dal patrimonio presente nella città di Camerino e con la grande prova giottesca di Pietro da Rimini nel cappellone di San Nicola a Tolentino, per concludersi con la sublime scuola dei Salimbeni a San Severino che prelude ormai con geniali innovazioni al linguaggio artistico che sarà del ‘400.

Svolgimento del percorso:

Mezza Giornata “A” : Mattino (durata h 3,00)

1) Visita al Museo Diocesano di Camerino:
il percorso, che ha inizio con la visita alla splendida “Madonna con bambino”nella chiesa di Santa Maria in Via a Camerino, risalente alla seconda metà del XIII secolo e raro esempio superstite di pittura romanica, procede quindi con la visita al Museo Diocesano ricchissimo di testimonianze artistiche relative al momento di transizione dalla pittura bizantina a quella gotica. In particolare è possibile qui osservare, oltre agli splendidi lacerti di affresco del maestro di Colle Altino (crocifissione) ed allo stendardo ligneo di Diotallevi di Angeluccio da Esanatoglia, lo splendido dipinto della Madonna di San Maroto, una delle più antiche e ieratiche immagini della Vergine nelle Marche.

2) Visita alla Pinacoteca Civica di San Domenico a Camerino :
il percorso procede quindi con la visita alla pinacoteca civica che raccoglie le più alte opere che contraddistinsero la civiltà camerinese dal Gotico al Rinascimento. In particolare, tra i capolavori qui raccolti, il famoso “Crocifisso” del XIII secolo, attribuito al Maestro dei Crocifissi Francescani, esempio unico e formidabile che risente della maniera di Giunta Pisano. E’ quindi possibile contemplare le più importanti opere del Gotico, come quelle di
Olivuccio di Ciccarello ed Arcangelo di Cola fino al primo Rinascimento con i capolavori di Girolamo di Giovanni e Giovanni Angelo da Camerino.

3) Visita alla città di Camerino:
nel tragitto che separa la chiesa di Santa Maria in Via, dal Museo Diocesano e dalla Pinacoteca civica di San Domenico, verranno svolte alcune soste presso alcuni luoghi simbolo del centro storico come il Palazzo Ducale- eretto dai Da Varano in competizione con quello di Urbino- e la cattedrale.

Mezza Giornata “B” : Pomeriggio (durata h 3,30)

4) Visita alla Pinacoteca Tacchi Venturi a San Severino :
nel pomeriggio il percorso procede fino a raggiungere la città di San Severino, dove tra la fine del XIV e tutto il XV secolo, nacquero maestri di prima grandezza come i Salimbeni e si affermò Lorenzo D’Alessandro. Un vero scrigno di capolavori inerenti il periodo gotico è infatti la pinacoteca Tacchi Venturi. Oltre a polittici di inestimabile valore e d’incomparabile bellezza, come quello di Paolo Veneziano e di Vittore Crivelli, sono qui conservati i mirabili affreschi staccati dal Duomo Vecchio ed il famoso “ altarolo” datato 1400 di Lorenzo Salimbeni nonché e la magnifica Pietà di Lorenzo d’Alessandro.Il percorso a San Severino si conclude con la visita alla chiesa di San Lorenzo in Doliolo che conserva alcuni tra i più begli affreschi superstiti dei Salimbeni

5) Visita al cappellone di San Nicola a Tolentino. Il percorso si conclude con la visita al più importante ciclo di affreschi del gotico nelle Marche, ovvero al cappellone della basilica di San Nicola a Tolentino, per importanza secondi soltanto a quelli di Giotto ad Assisi. Il cappellone, affrescato da Pietro da Rimini tra il 1325 ed il 1348, illustra le storie della vita della Vergine, del Cristo e di San Nicola in un complesso piano teologico di straordinaria bellezza compositiva. La visita guidata riguarderà anche la Basilica (portale gotico del 1432 scolpito da Nanni di Bartolo, il chiostro trecentesco ed il museo annesso.

 PersoneCosto a personaCosto complessivo
tariffe indicative della provincia di macerata, contattare la guida x tariffe personalizzate in convenzione
Mezza giornata ADa 1 a 5 persone16.00 €80.00 €
Mezza giornata ADa 6 a 20 persone-100.00 € + 2€ per ogni persona aggiuntiva
Mezza giornata BDa 1 a 5 persone16.00 €80.00 €
Mezza giornata BDa 6 a 20 persone100.00 € + 2€ per ogni persona aggiuntiva
Giornata InteraDa 1 a 5 persone160.00€
Giornata interaDa 6 a 20 persone200.00 € + 4€ per ogni persona aggiuntiva

DURATA DEL PERCORSO:
Mezza giornata A – Mattino : h 3.00
Mezza giornata B – Pomeriggio : h 3.30

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
COSTI DEGLI INGRESSI PER GRUPPI:

1) Biglietto d’ingresso al Museo Diocesano di Camerino: € 3,00;
2) Biglietto d’ingresso alla Pinacoteca civica di San Domenico di Camerino : € 3,00 ;
3) Biglietto d’ingresso alla Pinacoteca Tacchi Venturi di San Severino: € 3,00
4) Ingresso al Museo della Basilica di San Nicola : offerta libera (predisporre un’offerta cumulativa in una busta)

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

COMUNI TOCCATI DAL PERCORSO : 

1) Camerino ; 2) San Severino ; 3) Tolentino ;

  • L’Arte che salva

    L'Arte che salva

    Museo Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto Loggiato superiore del Palazzo Apostolico

Contributi Fotografici
Cum Duco di Stefano D’Amico-Via F.lli. Brancondi 128 -60025 Loreto (An) P. Iva 02583600420 mail: info@guidamico.it
Guida Turistica Abilitata dalla Provincia di Macerata ai sensi della legge Regione Marche n° 4 / 1996
e dalla Delegazione Pontificia per il Santuario della Santa Casa di Loreto
web agency
Privacy Policy